sabato, maggio 24, 2008

Avventure pechinesi

Da sabato 17 a venerdì 23 sono stato a Pechino per una conferenza. Città molto strana, grandi strade e stertti vicoli allo stesso tempo occidentale e tradionale insime. Le persone mi son parse molto tranquille la città (non l'avrei mai detto) molto pulita, forse anche per le imminenti Olimpiadi. Prima o poi vi farà altre considerazioni sulal città Intanto ptete vedere le foto), ma voglio per ora raccontarvi di ciò che mi è successo e che ci da uno spaccato della vita 'cinese'.

Speranzoso dell'accesso della Fiorentina in Champions league, non potendo essere a Firenze per il finale di campionato mi ero portato dietro la sciarpa per festeggiare la viola.

Ero in Piazza Tienanmen e mi sono messo bello bello in posa con la sciarpa per farmi fare la foto da un collega. Fatta la foto saranno passati 5-10 secondi che un militare mi si è avvicinato chiedendomi spiegazioni dl mio gesto e su cosa fosse la sciarpa che avevo. Forse le proteste internazionali pro Tibet hanno avuto molta presa nell'estabilishment cinese. Tentando di spegarmi al meglio gli dicevo: "It's an Italian footbal team". Purtroppo il militare faticava a capire e in poco tempo la situazione è degenerata. Siamo stati circondati da due-tre camionette di polizia e militari che continuavano con sempre più insistenza a chiedere il motivo del nostro gesto, la nostra nazionalità, il motivo della nostra presenza a Pechino, ecc. Si interrogavano sulla scritta e sul significato del simbolo sulla sciarpa (temevo infatti in un sequestro della sciarpa stessa, se non in qualcosa di molto peggio....). Nonostante la mia tranquillità per il gesto innocuo devo dire che la situazione non era piacevole. A nuove domande ho iniziato a pensare a come far capire meglio ai militari cosa rappresentasse la sciarpa, citando il nome dell'ex-viola, ma forse più noto all'estero, Luca Toni. Fortunatamente dicendo stavolta le parole "soccer team" un militare ha intuito, mi ha chiesto da quale paese, fino a che l'equivoco si è risolto con l'aiuto di un altro militare che ha affermato di aver sentito parlare della Fiorentina. Ci ahnno intimato di andarcene nascondendo bene la sciarpa. Tutto ciò è durato 5-10 minuti, fra la curiosità dei locali che hanno pure iniziato a fotografarci come si fosse dei dissidenti.

Il giorno dopo invece nessun problema per la foto allo stadio con un militare cinese, che non capendo un acca di inglese quando gli abbiamo chiesto se era possibile fare una foto, ha voluto tenere con me la sciarpa! Da notare comunque che nei pressi dello stadio c'era il divieto di esporre qualunque stendardo appartenente a nazioni o regioni non partecipanti alle Olimpiadi.

Comunque, anche a 8000Km di distanza..... che goduria!!!!


6 commenti:

Maurizio Manetti ha detto...

Roba da pazzi.
Di' la verità... te la sei fatta un po' addosso pensando di passare il resto della tua vita come dissidente nelle carceri cinesi. Scatenando inoltre un caso diplomatico internazionale. Guarda, per dirti quanto ti son solidale, per protesta avrei smesso di mangiare cinese alla rosticceria take away qui sotto al mio ufficio.

Edo ha detto...

Majala! E tutto per una stupida squadra di cal... ehm. L'avrei fatto anch'io.

Daniele ha detto...

Mau: non per fare lo smargiasso, ma in realtà no. In fondo che cazzo, era solo la sciarpa della fiorentina, esente da qualunque legame anche a uno stato. E poi fino ad ora i cinesi mi eran parsi così tranquilli. Il problema è che non capiscono l'inglese e non leggono caratteri latini. E soprattutto so na sega io che da marzo la pazza è sostanzialmente un'area off limits, mica c'era scritto. Comunque dalla foto del giorno dopo si vede come abbai fatto pace con il popolo cinese.

Edo: Che vuoi... mi ero perso il festone allo stadio... fatemi festeggiare in trasferta!

Sara ha detto...

lì sì che c'è libertà...!
;D

JTalent ha detto...

Alla faccia Dani,
pensa se in piazza ci fossero state delle persone che, in preda a spirito di solidarietà, si fossero schierate al tuo fianco, senza sapere che in realtà il tuo, era il fianco di un accanito tifoso viola in astinenza da stadio!!!
Che situazione si sarebbe creata?!
Un po accaso?!?!

Daniele ha detto...

No, sarebbe scattato il coro: "Martin Jorgensen, Martin Jorgensen, Martin Jorgenseeeen! Eh! Martin Jorgensen, Martin Jorgensen, Martin Jorgenseeeen!"