lunedì, novembre 27, 2006

Quella vena di malinconia e tristezza...

La morte del Perozzi è stata occasione per me di riprendere in mano tutto quel che circonda quel gran film che è Amici Miei. Andando a cercare un po' in qua un po' in là nella rete filmati, notizie su Monicelli, sul Mascetti, il Perozzi, il Sassaroli, il Necchi e il Melandri, ma anche la Titti e la Carmen che diciamocelo un po' per noi toscani son sempre stati nostri amici.

Ma anche Alice Mascetti, il figliolo del Perozzi e quella stronza della su' moglie, Birillo e la madonna (con figli e governante al seguito), il sottococo Giovannone e il Righi! Il Righi, ragazzi, che personaggio!

Chi non ha fatto un antani, una supercazzola. Chi non ha mai detto: "Oh bucaiolo allora ci si vede a i' tocco" e s'è sentito rispondere: "No, a i' tocch'e mezzo!".

Ma voglio concludere qui questi giorni di ricordo mettendo in fila i filmati che ho trovato in rete. Ma soprattutto quella bella canzone che è la colonna sonora di Carlo Rustichelli, così dolce e malinconica che mi fa accapponare la pelle come le zingarate di que' bischeri di Firenze.



La colonna sonora


La supercazzola al Vigile


Lo scherzo del Necchi


L'ispettore tombale


Il battesimo del Melandri


Concorso vocale "Città di Pistoia"


Scena al cimitero


Giovannone, il sottococo




Servizio torri


L'alluvione


Nessun commento: